martedì 31 luglio 2012

Un po’ in cucina assieme


OSIP MANDEL’ŠTAM

STIAMOCENE UN PO’ IN CUCINA ASSIEME

Stiamocene un po' in cucina assieme;
l'aria è dolce di bianco cherosene;

un coltello tagliente e una pagnotta...
Se vuoi, prepara ben bene il fornello;

altrimenti raduna e intreccia corde:
prima dell'alba fa’ una grande sporta;

fuggiamo alla stazione, ad un binario
ove nessuno ci possa trovare.

(da Ottanta poesie - Traduzione di Nicola Crocetti)

.

La quiete prima della tempesta, la tenerezza prima della grande prova. Sono versi dolcissimi questi che Osip Mandel’štam (1891-1938), poeta russo perseguitato dal regime stalinista, rivolge alla moglie Nadežda: la invita all’unione, alla silenziosa vicinanza, alla condivisione prima che le strade del mattino e della vita li riconducano ancora una volta alla fuga, in nome della libertà: “Voi, togliendomi i mari, la rincorsa, lo slancio, / e dando al piede il sostegno di una terra forzata, / cos’avete scoperto? Un principio sagace: / che il moto delle labbra non può venir sottratto”.

.

image

CLAUDE MONET, “NATURA MORTA CON BOTTIGLIE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Piccola, io non posso né voglio vivere senza di te, tu sei tutta la mia gioia, sei la mia tutta mia, per me è chiaro come la luce del giorno. Mi sei diventata così vicina che parlo tutto il tempo con te, ti chiamo, mi lamento con te
.
OSIP MANDEL’ŠTAM, Lettera a Nadežda Jakovlevna, 5 dicembre 1919

2 commenti:

Vania ha detto...

...mi piace...qualcosa da mettere/sentire in "tasca".
ciaoo vania

DR ha detto...

come un amuleto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...