lunedì 30 luglio 2012

O bel ricordo


GIUSEPPE UNGARETTI

TI SVELERÀ

1931

Bel momento, ritornami vicino.

Gioventù, parlami
In quest’ora voraginosa.

O bel ricordo, siediti un momento.
Ora di luce nera nelle vene
E degli stridi muti degli specchi,
Dei precipizi falsi della sete...

E dalla polvere più fonda e cieca
L’età bella promette:

Con dolcezza di primi passi, quando
Il sole avrà toccato
La terra della notte
E in freschezza sciolto ogni fumo,
Tornando impallidito al cielo
Un corpo ilare ti svelerà.

(da Sentimento del Tempo, 1933)

.

“La memoria trae dall’abisso il ricordo per restituirgli presenza, per rivelare al poeta se stesso”: così lo stesso Giuseppe Ungaretti (1888-1970) commenta nelle Note a Sentimento del Tempo questa sua poesia: il ricordo poetico è l’unica possibilità di assegnare un senso al vissuto e il fatto che questo appartenga al passato non è che l’ennesima beffa. Il poeta non può fare altro che blandire questa realtà e salire e scendere lungo il tempo come se fosse una corda, consapevole però che non ogni memoria gli è accessibile e che quella che egli in questo modo ha stabilito con il tempo è soltanto un’effimera tregua.

.

image

DALE WHITEROW, “MEMORY”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Tempo, fuggitivo tremito…
GIUSEPPE UNGARETTI, Sentimento del Tempo

2 commenti:

Vania ha detto...

....come manda "flash di luce" questa poesia...."refoli" di buono.:)
ciaoo Vania

DR ha detto...

il passato come un insieme di specchi frantumati che rimandano bagliori a seconda di come li colpisce la luce del ricordo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...