sabato 28 luglio 2012

Affacciato al finestrino

 

MICHAEL KRÜGER

È VIETATO SPORGERSI DAL FINESTRINO

Anche l’ultimo treno pieno zeppo,
come se gli uomini dovessero fuggire.
Il controllore chiede di passare.
«Grazie», dice, «grazie, grazie»,
davanti a lui tutti sono certamente uguali.
Fuori i paesi prendono il largo
portando con sé gli animali.
Con noi viaggia un vento,
in cerca di fuoco.
Un uomo è affacciato al finestrino
e fuma. Ascolta il coro gigantesco,
che prova incessantemente nel buio.
«Grazie, grazie, grazie tante».

(da Poco prima del temporale, Frassinelli, 2005 – Traduzione di Gino Chiellino)

.

Le poesie si leggono su vari piani. Certo, se ci limitiamo al puro aspetto realistico, questi versi del poeta tedesco Michael Krüger (Wittgendorf, 1943), rappresentano una scena minimale alla quale ci è capitato spesso di prendere parte: un treno affollato – quelli del primo mattino e del tardo pomeriggio – con i passeggeri in piedi nei corridoi mentre il controllore tenta di passare. Ma se allarghiamo lo sguardo a un altro tipo di lettura, quel viaggio diventa la nostra vita, quel controllore chissà chi sarà mai – Dio? – quell’uomo che infrange la legge sporgendosi al “vento in cerca di fuoco” non è che un indagatore di ciò che c’è fuori, di ciò che trascende la realtà, un uomo che non è parte del coro – il poeta?

.

ANKE IBE, “BLUE TRAIN”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Perfino le pietre si mettono in cammino / per cercare una sponda
.
MICHAEL KRÜGER, Poco prima del temporale

2 commenti:

Vania ha detto...

...interessante Poesia.
..Grazie.:)

ciaoo Vania

DR ha detto...

sì, diciamo insolita

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...