venerdì 4 maggio 2012

Quand’è fiorito il mare

 

PIER LUIGI BACCHINI

IN COLLINA

Quand’è fiorito il mare da noi
e tutto l’azzurro e il vento e l’odore salino
ci portavano l’estate nel respiro,
e sensazioni e giovani mimose –
e le bocche dei sorrisi e la freschezza grida lontane
spume,
allora con mille parole, col gesto spezzato
come in uno specchio rotto, sulle labbra
le tue dita e la luce hanno sospeso
un bacio, e poi l’hanno lasciato
libero, e le foglie,
e tutto il viale dei pini odorava di quei luoghi.

(da Scritture vegetali, Mondadori, 1999)

.

C’è una grande presenza della natura in questi versi di Pier Luigi Bacchini (Medesano, 1927), poeta della Bassa parmense: sembra di vederle quelle colline emiliane di terra bianca che si inseguono come enormi costole di balene fino a sciogliersi nel mare. E il mare porta il suo salino ad accendere i profumi ed esaltarli. Ogni stagione così, ogni primavera… Il tempo passa e il ricordo di un amore torna a farsi vivo, si fonde, confonde i tempi – presente e passato si mescolano anche nelle forme verbali. Fiorisce il mare, fiorisce la primavera, fiorisce la nostalgia…

.

LUIGI BONAFEDE, “COLLINE PARMENSI”
(
http://www.luigibonafede.eu/)

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Questa antichità di parole / si scrive sopra l’erba, e morendo ogni volta, / come amando.
PIER LUIGI BACCHINI, Contemplazioni meccaniche e pneumatiche

2 commenti:

Vania ha detto...

..perfetta la foto che hai postato per questa "sensoriale" poesia.

ciaoo Vania

DR ha detto...

è un dipinto amatoriale, sembra fatto apposta per la poesia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...