martedì 13 dicembre 2011

Sangue invece che inchiostro

 

AFFONSO ROMANO DE SANT'ANNA

IL DOPPIO

Sotto la mia scrivania
c’è sempre un cane famelico
- che mi nutre con la tristezza.

Sotto il mio letto
c’è sempre un fantasma vivo
- che spaventa chi mi ama.

Sotto la mia pelle
qualcuno mi guarda strano
- pensando che io sia lui.

Sotto la mia scrittura
c’è sangue invece che inchiostro
- e qualcuno che grida in silenzio.

(da Poesia falada)

.

“Tutto in me è filtrato dalla poesia, azione e verbo”: Così rispondeva nel 2005 in un’intervista il poeta brasiliano Affonso Romano de Sant’Anna (Belo Horizonte, 1937). Tutto dunque è poesia, ogni azione della vita: il poeta si organizza attraverso il linguaggio, esprimendosi esistenzialmente e storicamente. “Essere poeta è una carriera di lungo corso” scherza Romano de Sant’Anna con l’intervistatore.  Perché la poesia coincide fondamentalmente con la vita, ne è la testimonianza: “La letteratura è questo: il residuo scritto, quando tutto ormai si polverizza. E quello che non è stato scritto pare che non sia esistito”.

.

RENÉ MAGRITTE, “DECALCOMANIA”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il poeta è una somma / la sua memoria è ciò che aziona / il suo autocomputer.
AFFONSO ROMANO DE SANT’ANNA, Poesia sobre poesia

5 commenti:

Vania ha detto...

e qui ci vuole una citazione che avevo trovato ...non ricordo la "forma" corretta ne di chi era solo il senso....

...il Poeta...ed io aggiungerei lo scrittore è un uomo come tanti con una vita come tutti.
ciaooo Vania

DR ha detto...

il poeta è un uomo (o una donna) come gli altri e le altre. Ma la sua sensibilità è più affinata

Tra cenere e terra ha detto...

Questa poesia è inquietante...e molto intensa.

Vania ha detto...

....perfetta la tua annotazione.
ciao Vania

DR ha detto...

a volte chi scrive parla dei propri fantasmi, di ciò che lo terrorizza

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...