sabato 31 dicembre 2011

Fine d’anno

 

JORGE LUIS BORGES

FINE D’ANNO

Né la minuzia simbolica
di sostituire un tre con un due
né quella metafora inutile
che convoca un attimo che muore e un altro che sorge
né il compimento di un processo astronomico
sconcertano e scavano
l’altopiano di questa notte
e ci obbligano ad attendere
i dodici e irreparabili rintocchi.
La causa vera
è il sospetto generale e confuso
dell’enigma del Tempo;
è lo stupore davanti al miracolo
che malgrado gli infiniti azzardi,
che malgrado siamo
le gocce del fiume di Eraclito,
perduri qualcosa in noi:
immobile.

(da Fervore di Buenos Aires, 1923)

.

Il tempo con i suoi paradossi è uno dei temi fondamentali del grande scrittore argentino Jorge Luis Borges (1899-1986): “Noi abbiamo sognato il mondo. Lo abbiamo sognato resistente, misterioso, visibile, ubiquo nello spazio e fermo nel tempo; ma abbiamo ammesso nella sua architettura tenui ed eterni interstizi di assurdità, per sapere che è finto” scrisse. E ancora: “In un tempo infinito ad ogni uomo accadono tutte le cose. Per le sue passate o future virtù, ogni uomo è creditore d'ogni bontà, ma anche di ogni tradimento, per le sue infamie del passato e del futuro.[...] Visti in tal modo tutti i nostri atti sono giusti, ma sono anche indifferenti. Non esistono meriti morali o intellettuali. Omero compose l'Odissea; dato un tempo infinito, con infinite circostanze e mutamenti, è impossibile non comporre, almeno una volta, l'Odissea”. Pensieri da fine d’anno, quando ci si rende conto che in effetti il fiume del tempo scorre e non è il mutamento di data a modificarlo – un due che sostituisce un uno in questo caso. Domani è un altro giorno molto simile a questo, con la sua alba e il suo tramonto e tante cose in mezzo, e non è certo il fatto che nella data ci sia 2012 a farne un evento speciale, con buona pace dei Maya…

PS. Nonostante Borges e il suo cinismo, auguro un Buon anno a tutti voi, amici del Canto delle Sirene. Che il 2012 possa avverare i vostri desideri!

E, per curiosità, qualche statistica sul blog per quanto riguarda il 2011

VISITATORI: 124.000 (+23%)

PAGINE VISTE: 300.000 (+31%)

VISITE: 166.000 (+28%)

TEMPO MEDIO SUL SITO: 1:30

LE CINQUE PRINCIPALI CHIAVI DI RICERCA:

Scioglilingua italiani
Francesca Woodman
Dora Markus
Nizar Qabbani
Consonno

I CINQUE POST PIÙ LETTI

Francesca Woodman
Poesie per settembre
Dora Markus
I vasi greci
Una poesia di Picasso

I CINQUE POST DEL 2011 PIÙ LETTI

Tu Danae, io Zeus
Lei
Nuove poesie per febbraio
Sei haiku di primavera
Il rondone raccolto sul marciapiede

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il tempo degli uomini è eternità ripiegata.
JEAN COCTEAU, Il mio primo viaggio

4 commenti:

Vania ha detto...

..non sono concentrata ....permetti che perdo colpi...siamo alla fine...:)

...a domani con un Nuovo inizio.:))
ciaooo Vania

Tra cenere e terra ha detto...

Grazie per l'impegno costante che ci metti nel rendere la nostra vita più vivibile...I numeri ti premiano mio caro amico. Il prossimo anno sarà ancora migliore.

DR ha detto...

...e un grazie a tutti i lettori del Canto delle Sirene, in particolare a quelli che seguono e commentano con assiduità (compresi quelli che interagiscono attraverso la pagina Facebook)

Vania ha detto...

@tra cenere e terra...
..ottimo commento...bravo !!!! :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...