mercoledì 28 settembre 2011

Dal fondo di uno specchio


JORGE LUIS BORGES

ARTE POETICA

Guardare il fiume fatto di tempo e d’acqua
e ricordare che il tempo è un altro fiume.
Sapere che ci perdiamo come il fiume
e che passano i volti come l’acqua.

Sentire che la veglia è un altro sogno,
sogno di non sognare e la morte
che il nostro corpo teme è questa morte
di ogni notte, che chiamiamo sonno.

Vedere nel giorno o nell’anno un simbolo
dei giorni dell’uomo e dei suoi anni,
trasfigurare l’oltraggio degli anni
in una musica, un rumore, un simbolo,

vedere nella morte il sonno, nel tramonto
un triste oro, questo è la poesia
che è povera e immortale. La poesia
si volge come l’aurora e il tramonto.

Talora nel crepuscolo un volto
ci guarda dal fondo di uno specchio;
l’arte deve esser come quello specchio
che ci rivela il nostro proprio volto.

Ulisse, dicono, stanco di prodigi,
pianse d’amore, scorgendo la sua Itaca
umile e verde. L’arte è quell’Itaca
di verde eternità, non di prodigi.

È anche come il fiume senza fine
che passa e resta; è specchio di uno stesso
Eraclito incostante, uno e diverso
sempre, come il fiume senza fine.

(da L’artefice, 1960 – Traduzione di Maria Vasta Dazzi)

.

La prima cosa che salta all’occhio è un fatto puramente tecnico, la rima incrociata identica per ogni quartina, posta in modo tale che i versi si rispecchino. La grandezza di Jorge Luis Borges si esprime anche in questi dettagli: “l’arte dev’essere come quello specchio” dice e lo mette in pratica metricamente! Poi, naturalmente, c’è il significato della poesia, che raccoglie l’ossessione dello scorrere del tempo cara a Borges, così come i temi degli specchi e dei tramonti: la poesia è ciò che fa di un’umile isola come Itaca il luogo più amato perché desiderato e rimpianto, è ciò che fa oro di un perduto ricordo. Perché la poesia trasforma il tempo in musica e simbolo, muta la morte in sonno, fornisce la sua visione di verità mostrando il nostro volto in uno specchio.

.

  image

IMMAGINE © ROWEANDESIGN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'opera che perdura è sempre capace di un'infinita e plastica ambiguità; è tutto per tutti […]; è uno specchio che svela tratti del lettore ed è insieme una mappa del mondo.
JORGE LUIS BORGES, Altre inquisizioni

3 commenti:

Vania ha detto...

...la frase del giorno...mi piace molto...sintetica....ma pregna di significati...esattamente una leggenda da cui ricavare i dettagli inimagginabili.


...la Poesia...è una "storia"...una delle tante storie di "tutti"....poi come dici tu la grafia a me non saltava all'occhio se me lo suggerivi.:))

..non vedo la foto.
ciaoooooooooo Vania

DR ha detto...

Risolto per la foto. grazie

In effetti l'opera d'arte deve assomigliare molto a quella carta del mondo in scala 1:1 teorizzata da Borges in un suo racconto, perché si attaglia ad ogni lettore, ad ogni spettatore, ad ogni ascoltatore.

Vania ha detto...

...perfetta la foto !!!

....bravo !!
ciaoooooooo Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...