martedì 16 agosto 2011

Non v’è oceano che torni nel fiume


OL’GA SEDAKOVA

DEDICA

Tu ricorda, io dico, ricorda
tu ricorda, ti dico e piango:
ogni cosa scompare e muta
e la stessa speranza uccide.

Non v’è oceano che torni nel fiume,
né fiume che risalga alle fonti,
né a chi il tempo sia misericorde –

ma ti amo, ti amo come
se tutto questo fosse stato e sia.

(da Poesia n. 262 – Luglio-Agosto 2011 Ol’ga Sedakova. Il verginale abisso del verso a cura di Vera Pozzi  Fondazione Poesia Onlus 2011 - Traduzione di Adalberto Mainardi)

.

Il tempo scorre, le nostre esistenze sono precarie meteore tra due eternità, tutto muta velocemente e i giorni si succedono ai giorni, gli anni si assommano agli anni. Le occasioni passano e se ne vanno, raramente ritornano confermandoci l’assioma di Eraclito secondo il quale non ci si può bagnare due volte nello stesso fiume. Ma qualcosa resta, qualcosa emerge sopra tutto questo: è l’amore, il fine ultimo della nostra esistenza, come testimonia la poetessa russa Ol’ga Sedakova, nata a Mosca nel 1949, erede delle grandi voci liriche della sua terra.

.

image

FOTOGRAFIA © DESSKO

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Non essere amati è una semplice sfortuna; la vera disgrazia è non amare.
ALBERT CAMUS, L’estate

3 commenti:

Vania ha detto...

...bellissima Dedica.
ciaoo Vania

DR ha detto...

piena d'amore

Veronica ha detto...

Magnifica! L'Amore non si assoggetta né alle leggi del Tempo né a quelle degli uomini. L'Amore, quello vero, è qualcosa che vive dentro di noi , al di là della volontà e della ragione. Con tutto il carico di disperazione che comporta il non essere amati...
p.s. la posterò sul mio blog.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...