lunedì 1 agosto 2011

Altre poesie per agosto


Ed ecco anche agosto, il cuore dell’estate che porta la stagione verso la sua fine: le sere si accorciano, le vacanze finiscono e un poco di malinconia comincia a trasparire. Ma chi - un po’ oraziano - sa goderne i frutti, chi sa coglierne i giorni, trova in questo mese d’ozio e di riposo tutta la bellezza che è in grado di fornire. Ascoltiamo la voce di due poeti che raccontano agosto: lo spagnolo Federico Garcia Lorca e il romano Giorgio Vigolo.

. 

FEDERICO GARCÍA LORCA

AGOSTO

Agosto,
controluce a tramonti
di pesca e zucchero
e il sole dentro la sera
come il nocciolo nel frutto.

La pannocchia serba intatta
la sua risata gialla e dura.

Agosto.
I bambini mangiano
pane nero e luna piena.

 

.

GIORGIO VIGOLO

LINEA DELLA VITA, XIII

Ho sentito l'odore della terra
dopo mesi di sole;
ho sentito l'odore della pioggia
vasta che scende dai monti
col turbine d'agosto come un fumo
e il giorno s'oscura;
ho sentito l'odore della terra
portato di lontano dal vento
che era passato nei canneti
e dentro i boschi arati dall'uragano;
ho sentito l'odore dei cespugli
zuppati dallo scroscio;
ho sentito l'odore delle radiche
che avidamente suggevano l'acqua
dal gonfio lievitato terreno.

 

 

COULTER, “BEACH UMBRELLA”

.clip_image001

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
La nuvola d’agosto d’improvviso / si scioglie in rivoli di pioggia.

WILLIAM CULLEN BRYANT, Sella

1 commento:

Vania ha detto...

...due Agosto .... diversi e complementari.
ciao Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...