sabato 9 luglio 2011

Il poeta vampiro

 

EVGENIJ EVTUŠENKO

MALEDIZIONE - SONO UN PROFESSIONISTA

Maledizione - sono un professionista.
Posso creare una cosuccia splendida
dalle lacrime di quanto ho annichilito,
caricando con il dolore la stilografica.

Nella professione di un poeta c'è l'infamia
della confessione in rima, molto redditizia
quando alla gioiosa rassegna generale
egli i dolori altrui cede al mercato.

Beve il sangue del prossimo il poeta, per rinvigorirsi,
senza alcuna cattiva intenzione
e odio me stesso io per il potere
della parola nutrita con l'altrui sofferenza.

Ma tu, sporca gloria, sulle ossa di chi,
su quali lacrime ardenti sei cresciuta?
Sia maledetto il vampirismo del mestiere,
perfidamente basato sulle consonanze.

Non c'è indulgenza per tale professione.
Il sangue altrui soltanto sembra inchiostro...
Ma è allora che comincia il poeta,
quando arriva il disgusto per la parola.

(da Diario lirico, 1973)

.

I poeti sanno essere giudici obiettivi e imparziali della loro opera, sono in grado di analizzare meglio di chiunque altro il loro fare poesia e l’inadeguatezza dei loro strumenti di fronte alla realtà: l’io lirico è in grado di esprimere pienamente il mondo reale? Riesce a cogliere il significato più profondo dell’esistenza racchiuso nell’emozione, nella sensazione? Riesce, dice il poeta russo Evgenij Evtušenko, nato a Zima, in Siberia, nel 1933. Riesce e ne fa addirittura un mestiere, una professione, arrivando a vampirizzare non solo le proprie emozioni, ma anche quelle altrui. Il poeta vampiro è quello che ha ormai raggiunto la fama, che scrive quasi automaticamente, ormai sbarazzatosi dell’ingenuità del dilettante. Non è neppure più un poeta, è un mestierante, come tanti attori che compensano la sparizione del talento con l’esperienza. Ma è una presa di coscienza a salvarlo, la consapevolezza di un disgusto che libera l’anima poetica imprigionata nel guscio del mercato: “«Esprimici! Esprimici!» / Tutte le costole spezzando / implorano le idee: / «Stiamo strette dentro. / È stato un tormento»”.

.

Evtušenko con il presidente americano Nixon nel 1972 © Oliver F. Atkins

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
È nella domanda che sta la verità. I poeti sono domande.
LEONID MARTYNOV

3 commenti:

Tra cenere e terra ha detto...

Post meraviglioso. Non è una novità.
La poesia in una domanda...

Vania ha detto...

...che grande verità sui Poeti ...scritto/spiegato in modo esemplare.
ciao Vania

DR ha detto...

La risposta è nel post successivo: "Passando in rassegna le cose già accadute
la poesia cerca risposte
a domande non ancora fatte".

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...