domenica 24 luglio 2011

Buona domenica

 

ULLA HAHN

DOMENICA

Finir di leggere Apollinaire:
il poeta assassinato
Non perdere di vista
il tempo destinato
all’ingestione di cibo
Schubert e Brahms vanno
evitati. Mozart
sana tutte le ferite. Albinoni
dispensa Valium. Mostrarsi
pacata e insieme felice
quando la mamma telefona raccogliere
le forze per
il gioioso gridolino finale.
Prendere d’un balzo la cornetta
quando il telefono squilla
nel televisore.

.

Ci vorrebbe un sociologo per parlare della domenica e del suo ruolo spesso straniante nelle società occidentali: la pausa nel vortice di giorni è per molti motivo di disagio e la riempiono con le attività più svariate, dallo sport al viaggio, alla gita per sfuggire alla sua monotonia. Chi non sa vivere la domenica è la poetessa tedesca Ulla Hahn (Brachthausen, 1946), che tratteggia il bozzetto di un suo “settimo giorno” tipo: un po’ di poesia, musica classica che porti allegria, la finta felicità comunicata via telefono alla madre, un film alla televisione. Come la ragazza che nella canzone di Antonello Venditti pensa: “Ciao, ciao domenica, madonna non finisce mai, / sono le sei, c'è ancora il sole fuori”…

.

Avril Lavigne guarda la TV © 999 images

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il riposo è una buona cosa, ma la noia è sua sorella.
VOLTAIRE

1 commento:

Vania ha detto...

..per tutte ste cose ci vorrebbe una "doppia" domenica per commentare ...:)
ciaooo Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...