martedì 12 aprile 2011

Il caffè

 

“Il caffè va bevuto seduti” diceva mia nonna: le piaceva godersi quel momento di fine pasto o di metà pomeriggio, gustarselo comodamente. Anche a me piace bere il caffè seduto, riordinare i miei pensieri oppure farci il vuoto se sono da solo, conversare se mi trovo in compagnia. Che sia in un elegante bar del centro o nella mia cucina, che sia l’espresso o la moka, che sia un caffè ottenuto da una cialda o da una capsula. Perché bere il caffè è più di un semplice atto: è un rito per il quale bisogna predisporsi, è un momento di piacere in un deserto di altri momenti tutti uguali… E allora gustiamoceli questi caffè in forma di poesia: uno è del futurista romano Luciano Folgore, l’altra del poeta, commediografo e paroliere napoletano Rocco Galdieri, anche perché “ah che bello ‘o ccafè, solo a Napoli ‘o sanno ffà…”

 

LUCIANO FOLGORE

MOKA

Sensazione fisica

Nero. Più nero. Troppo nero.
Moka.
Il sonno ruzzola giù dalle scale
della stanchezza.
Una voglia pazza d'intorno
ai nervi,
gira, gira, gira.
Il desiderio - ginnasta incomparabile - 
a salto mortali nel cervello.
Le idee: mazzi di fiori,
grandi, grandi,
senza gambo,
pigiati nel vaso del cranio.
Gli occhi smisurati in ridda
dietro profili di cose strane.
Benessere.
Strappo acuto.
Forse vertigine,
Subitaneo smarrimento.
Ripresa la galoppo, per ogni fibra,
dei turbini del caldo eccitante.
Infine massaggio di mani
di negre bruttissime
su tutta la pelle,
ilarità del passaggio leggero
di una mammella floscia lungo la schiena.
Moka.
Nero nero.

(da Ponti sull’oceano, Edizioni di poesia, 1914)

.

.

Eric Barjot, “Mocha Caffe”

.

.

ROCCO GALDIERIGaldieri_Nov1

‘O CCAFÈ!

Quanno saglie st’addore, s’è capito,
ch'è trasuta 'a pruvvista pe' 'nu mese...
Pecché quann' 'o ccafè s'è abbrustolito
e spanne 'o fummo... è segno c' 'o marito,
quann'è 'o mumento, nun abbada a spese.

È segno c' 'o marito è n'ommo 'e chillo
ca' port' 'a croce 'a quanno s'è accasato
ca dint' 'a casa nun dà maie nu' strillo
e ca penza 'a guagliona, 'o piccerillo...
Mo' ce vo' chesto, mo' ce vo' chell'ato...

E chesto è 'o llardo, e chesta è 'a 'nzogna 'mpane,
e cheste so' 'e butteglie 'e pummarole,
e cheste so' 'e buatte 'e mulignane...
«S'avvessera cagnà sti pperziane...»
E tutt'è fatto... Appena 'nfoca 'o sole...

Casa cuntenta! ...Addò sta 'a grazzia 'e Ddio,
'a capo a piere 'e ll'anno, 'nt' 'a dispenza.
Addò 'nu morzo sta p' ogne gulio...
Senza fa: «Chesto è 'o ttuio... chest'auto è 'o mmio!»
quanno 'o marito spenne e nun ce penza.

Quann' 'o marito, ch'è faticatore,
s'abbrusca tutto chello ca lle pare,
cunforme trase 'mpuorto 'nu vapore,
e ammarcia comme fosse 'nu signore
e ghiett' 'a pezza... pecché è ricco 'o mare.

Casa cuntenta! ...Addò 'ncopp' 'a fenesta
addora 'a menta mo' c' 'o tiempo nn'è...
E 'ncopp 'o stesso marmo, affianco 'a testa,
dint' 'a sperlunga 'na manella, lesta,
trema pe'miez a ll'acene 'è ccafè...

Tremma... e fa segno abbascio... int'o curtile,
come dicesse... «Saglie a 'e ttre... dimane»...
Comm'infatte, dimane, d' 'o Brasile
trase 'mpuorto 'nu legno mercantile...
E chesto è 'o llardo... E chesta è 'a nzogna 'mpane!...

Quando sale quest'odore, s'è capito / che è arrivata la provvista per un mese... / Perché quando il caffè si è abbrustolito / e spande il suo profumo, è segno che il marito / quando è il momento, non bada a spese. // È segno che il marito è un uomo di quelli / che porta la croce da quando si è sposato / che dentro casa non dà mai uno strillo / e pensa alla figlia, al bambino... / Ora serve questo, ora serve quell'altro... // E questo è il lardo, e questo è il panetto di sugna, / e queste sono le bottiglie di salsa, / e questi sono i barattoli di melanzane... / «Sarebbero da cambiare queste persiane...» / Subito fatto... Appena scalda il sole... // Casa felice! ...Dove c'è la grazia di Dio, / dall'inizio alla fine dell'anno, nella dispensa. / Dove c'è un morso per ogni desiderio... / Senza dire: «Questo è tuo... quest'altro è mio» / quando il marito spende e non ci pensa. // Quando il marito, che è un lavoratore / si prende tutto quello che gli pare, / secondo quello che entra in porto nel vapore, / e cammina come fosse un signore / e butta la toppa... perché è ricco il mare. // Casa felice! ...Dove su una finestra / odora la menta ora che è tempo... / E sullo stesso davanzale, vicino alla testa / dentro il vassoio una manina, lesta / trema in mezzo ai chicchi di caffè... // Trema... e indica giù... nel cortile, / come se dicesse...«Arriva alle tre... domani»... / Come infatti, domani, dal Brasile / giunge in porto una nave mercantile... / E questo è il lardo... E questo è il panetto di sugna!

(da Nuove poesie, Casella, 1919)

.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
 
Come cambia il tempo così cambia il caffè, cambia se piove, cambia se è umido, cambia se è secco, cambia.
VINCENZO MORETTI, Bella Napoli

3 commenti:

Vania ha detto...

...devo dire che da un anno a questa parte ho cominciato a bere il caffè...non credo di averlo mai bevuto....tranne che .... qualche volta ai pranzi/cene "comandati"...Natale...Pasqua...anche se il gusto devo dire che mi piace assai.:)....ma mi mette ansia....quindi per me...niente...ma letto più che volentieri questi "aromi".

..è proprio un culto quello del caffè...e trovo davvero bello gustarlo come dice Tua nonna....
...comunque ci sono con una tazza di tè :)
ciaoo Vania

Tra cenere e terra ha detto...

Guarda, ne vado a prendere subito uno...

Adriano Maini ha detto...

Sei così ispirato e documentato su ogni tuo post, e non solo su questo blog, che faccio prima a linkarti quanto più riesco dei prodotti delle tue fatiche!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...