giovedì 6 gennaio 2011

Come i Magi

 

FRANCIS JAMMES

EPIFANIA

“Non ho come i Magi
che sono ritratti nelle immagini
dell'oro da donarti”.
 
“Dammi la tua povertà”.
 
“Non ho nemmeno, Signore,
la mirra dal buon profumo
e neppure l'incenso in tuo onore”.
 
“Figlio mio, dammi il tuo cuore”.

.

L’Epifania viene identificata come la festa della Befana, la vecchietta che porta i regali ai bambini buoni e il carbone a quelli cattivi. In realtà i protagonisti della giornata sono i Magi, questi personaggi affascinanti che riconoscono la divinità attraverso le  loro scienze. E oggi in molte città si celebrano cortei con i tre saggi (in realtà il numero non è fissato nei Vangeli, e c’è anche la bella leggenda cristiano-ortodossa del quarto mago, di cui ho parlato due anni fa); alcune parrocchie si spingono più in là e organizzano la festa delle genti, dove sono gli stranieri – i Magi del tempo moderno - ad essere riveriti e festeggiati con un pranzo di accoglienza.

La poesia di Francis Jammes, simbolista minore francese molto ammirato da Guido Gozzano per la sua semplicità e l’abilità di descrivere i gesti quotidiani – minimalismo si direbbe oggi – si concentra sul dono. Davanti al Bambino, come il quarto mago ortodosso, crede di presentarsi a mani vuote: invece ha dei regali ben più preziosi dell’oro, dell’incenso e della mirra: l’umiltà e l’amore.

.

José Esteban Murillo, “Adorazione dei Magi”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
E all’improvviso / la fiamma della vita vacilla nella mente.
MARIO LUZI, Onore del vero, “Epifania”

2 commenti:

Adriano Maini ha detto...

Saperle trovare sempre le parole giuste! E ci fosse sul serio più "amore" nel mondo!

DR ha detto...

L'amore salverà il mondo, si diceva una volta. Ci spero ancora, ma la vedo molto dura ogni giorno di più.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...