martedì 28 dicembre 2010

Luzi e la felicità


MARIO LUZI

QUESTA FELICITÀ


Questa felicità promessa o data
m'è dolore, dolore senza causa
o la causa se esiste è questo brivido
che sommuove il molteplice nell'unico
come il liquido scosso nella sfera
di vetro che interpreta il fachiro.
Eppure dico: salva anche per oggi.
Torno torno le fanno guerra cose
e immagini su cui cala o si leva
o la notte o la neve
uniforme del ricordo.


(da “Onore del vero”, 1957)

.
Nelle sue poesie Mario Luzi si dedica ad un incessante lavoro di scavo, si pone davanti alla realtà e cerca di trarre dalla sua forma sfuggente e contraddittoria i segni della condizione umana: raccoglie le apparenze, i messaggi ambigui, i lati negativi. Il suo lavorio è così una presa di coscienza che l’attesa è destinata ad essere vana: nonostante ciò Luzi vive quest’attesa rivestendola con un profondo e fermo senso religioso, con la pietas, la partecipazione e la condivisione della sofferenza umana. Anche “Questa felicità” può essere letta nell’ottica della salvezza: la felicità come manifestazione del vivere, come momento ritagliato all’inesorabile sbiadire del ricordo.
.

Pier Callegarini, “Albero della felicità”

.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------- LA FRASE DEL GIORNO
La felicità esiste, ne ho sentito parlare. 
GESUALDO BUFALINO, Il malpensante

2 commenti:

Vania ha detto...

...come è difficile e facile scorgere la Felicità.
Ciao Vania

DR ha detto...

La si difende strenuamente, la si insegue, si crede di raggiungerla...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...