domenica 21 novembre 2010

Sera d’autunno

 

FËDOR TJUTČEV

SERA D'AUTUNNO

Nella chiarezza v'è delle autunnali
sere un tenero, un misterioso incanto:
lo splendore degli alberi sinistro,
il languido frusciare delle foglie
porporine, il velato e calmo cielo
sopra la terra triste e desolata,
e, annunzio delle prossime bufere,
un brusco, freddo vento qualche volta,
un mancare e sfinirsi - e quel sorriso
mite di sfioritura, su ogni cosa,
che in essere senziente noi chiamiamo
sacro pudore della sofferenza.

(da “Poesie”, Einaudi, 1964 – Trad. Tommaso Landolfi)

.

Fëdor Tjutčev (1803-1873) era un diplomatico russo che trascorse molto tempo all’estero nei consolati e nelle ambasciate – per dodici mesi fu anche in Italia, a Torino. I suoi versi però rimasero a lungo sconosciuti: furono i simbolisti a riscoprirli nei primi anni del Novecento. Tjutčev dà il meglio quando esprime la sua profonda inquietudine, quando riesce a rispecchiarla nella fragilità delle stagioni, nella tristezza che ci recano il clima e le atmosfere. E non è l’autunno la stagione più triste? Non è la sera il momento più languido della giornata, quando le riflessioni si fanno più acute e ci troviamo a porre domande davanti allo splendore dell’infinito?

.

Fotografia © Albena Markova

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO 
Fatica d'amore, tristezza, / tu chiami una vita / che dentro, profonda, ha nomi / di cieli e giardini. 
SALVATORE QUASIMODO, Acque e terre

1 commento:

Vania ha detto...

...molto bella....conosce bene le sue "previsioni atmosferiche".


..bella la frase del giorno.

ciao Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...