martedì 10 agosto 2010

L’acqua sotto i ponti

JOSÉ EMILIO PACHECO

SCORRERE

Corre sotto i ponti.
Non ritorna.

Il suo volo orizzontale
Cancella il tempo.

A noi
Il suo volo eterno
Dice tutto.

L’acqua non lo sa
e non se ne cura.

Si limita a scorrere
E a dire addio.

(inedita, da “El Mundo”, 30 novembre 2009)

.

Lo scorrere del tempo è una tematica che il poeta messicano José Emilio Pacheco ama molto: “Mi interessa solo / la testimonianza / del momento che passa / le parole / che detta nel suo fluire / il tempo in volo” scrive in “Islas a la deriva”. Così anche il fiume: chi non si è mai soffermato affascinato su un ponte a osservare l’acqua che scorre – lenta o tumultuosa, a seconda dei casi – e a considerare come il tempo passi allo stesso modo? E a riflettere sul celebre aforisma di Eraclito: “Non ci si può bagnare due volte nello stesso fiume”? E ancora su quello di Leonardo da Vinci: “L'acqua che tocchi de' fiumi è l'ultima di quella che andò e la prima di quella che viene. Così il tempo presente”.

Tempo che fugge e che muta le cose, come quell’acqua che scorre erodendo con lentezza anche la pietra, onda dopo onda. Lo sa bene anche Pacheco: “Sono e non sono colui che ti ha aspettato / nel parco deserto un mattino”…

.

Fotografia © DR

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
Le cose che ci sembrano uguali e stabili in realtà scorrono in modo impercettibile e si modificano, lasciando sempre intravedere qua e là dei segnali. Come in un caleidoscopio, basta il più piccolo movimento e il mondo si trasforma rapidamente.
BANANA YOSHIMOTO, Chie-chan e io

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...