martedì 31 agosto 2010

La mia corda scordata

LIBERO BIGIARETTI

COMPOSTAMENTE

Forse a me solo pare che dia suono
la mia corda scordata. Eppure io vivo
anche per queste dita che la tentano
con un tremito, e dietro il suo lamento
che nessuno conosce muovo il passo
compostamente...

(da “Lungodora”, De Luca, 1955)

.

Libero Bigiaretti (1905-1993) è molto più noto come narratore che come poeta: per i sentimenti di “Esterina”, l’incomunicabilità di “Figli”, il disagio della società industriale di “Uccidi o muori” e “Dalla donna alla luna”.

Eppure lo scrittore marchigiano era anche un ottimo poeta: i suoi versi hanno una grazia limpida e spontanea, aperta alle sollecitazioni del mondo moderno. Eccolo qui giustificare quasi la sua arte poetica, dolersi che non sia compresa, rivelare che tanta parte essa riveste nella sua vita.

.

Fotografia © Yvan Isnard

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
Far poesia vuol dire riconoscersi.

SERGIO SOLMI

2 commenti:

Vania e Paolo ha detto...

...compostamente...quanto è difficile questa parola in ogni ambito.

...molto "musicale"...questa poesia...la scelta dell'immagine mi piace molto.
ciao Vania

DR ha detto...

Ritengo che ognuno dovrebbe fare principalmente per sé quello che fa: non si scrive per fare soldi, non si dipinge per vendere. E farlo con compostezza e dignità è un valore aggiunto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...