lunedì 19 luglio 2010

Caproni e il confine

GIORGIO CAPRONI

CONFINE

Confine diceva il cartello
cercai la dogana, non c'era
non vidi dietro il cancello
ombra di terra straniera.

(da “Il muro della terra”, 1975)

.

Tra i temi principali del livornese Giorgio Caproni il viaggio, il confine e le terre di nessuno hanno un significato preponderante: quei paesaggi desolati sono incerti come incerto è il ruolo del poeta stesso, a volte fuggitivo e a volte inseguitore nello scambio continuo di ruoli che è la vita stessa.

Ma proprio quel dubbio confine, segnato forse nel posto sbagliato, è l’unico rifugio che ci rimane, è il limite che separa la realtà dall’immaginazione, il verosimile dal possibile. Tutta l’esistenza è un lungo trascinarsi lungo questo ambiguo confine alla ricerca o in fuga da una figura fondante, che molti chiamano Dio.

.

Fotografia © DGP

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
Dio di volontà, / Dio onnipotente, cerca / (sfòrzati), a furia d'insistere / – almeno - d'esistere.
GIORGIO CAPRONI, Il muro della terra

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...