domenica 25 aprile 2010

Ogni guerra è una guerra civile

CESARE PAVESE

TU NON SAI LE COLLINE


Tu non sai le colline
dove si è sparso il sangue.
Tutti quanti fuggimmo
tutti quanti gettammo
l'arma e il nome. Una donna
ci guardava fuggire.
Uno solo di noi
si fermò a pugno chiuso,
vide il cielo vuoto,
chinò il capo e morì
sotto il muro, tacendo.
Ora è un cencio di sangue
e il suo nome.
Una donna
ci aspetta alle colline.


9 novembre 1945

(da "La terra e la morte", 1947)

.
“Ogni guerra è una guerra civile: ogni caduto somiglia a chi resta, e gliene chiede ragione” scrive Cesare Pavese nella “Casa in collina”. E questa sua poesia, che ho scelto per celebrare il 25 aprile, ne è la trasposizione in versi. Torto o ragione, ideali, fede, passioni, tutto scompare nella raffica di mitra che stronca il partigiano sulle colline piemontesi. E a chi per viltà o per destino è riuscito a fuggire e a scampare, resta la vita che continua, l’amore che rimane nel cuore. Con la consapevolezza che il sacrificio anche di “uno solo di noi” è stato un mattoncino per costruire la libertà.

.
Una scena del film “Il partigiano Johnny” di Guido Chiesa

.
* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
Facciamo la guerra per poter vivere in pace.
ARISTOTELE, Etica Nicomachea, X, 7

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...