lunedì 12 aprile 2010

Il vento e l’arboscello


UMBERTO SABA image

L’ARBOSCELLO

Oggi il tempo è di pioggia.
Sembra il giorno una sera,
sembra la primavera
un autunno, ed un gran vento devasta
l'arboscello che sta - e non pare - saldo;
par tra le piante un giovanetto alto
troppo per la sua troppa verde età.
Tu lo guardi. Hai pietà
forse di tutti quei candidi fiori
che la bora gli toglie; e sono frutta,
sono dolci conserve
per l'inverno quei fiori che tra l'erbe
cadono. E se ne duole la tua vasta
maternità.

(da “Il canzoniere”, 1951)

.

Un giorno di primavera come ne capitano: pioggia, vento, freddo. E ci scappa di dire che sembra novembre. Lì nel giardino una giovane pianta da frutta - un susino, un albicocco, un pero – si piega al forte vento e sembra spezzarsi da un momento all’altro, rimanendo però sempre in piedi. Al poeta sembra un adolescente alto e magro, troppo alto e troppo magro per la sua età, colpito da grandi sventure: quei fiori che la tempesta gli strappa sono le speranze che se ne vanno, le occasioni che fuggono e che non si concretizzeranno più. La moglie di Saba invece, che con il poeta guarda la scena dalla finestra, si dispiace, con il senso pratico e materno delle donne, per quei fiori perduti che non diventeranno frutti e poi marmellate: partecipa di quell’inespresso dolore con pietà tutta femminile.

.

Fotografia © Winona State University

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
C’era, mal visto nel luogo, un fanciullo. / Le sue speranze assieme alle faville / del focolaio si alzavano. Alcuna / guarda! - è rimasta.
UMBERTO SABA, Il Canzoniere

3 commenti:

concetta t. ha detto...

bello questo "doppio" punto di vista....

DR ha detto...

yin e yang

concetta t. ha detto...

come in tutte le cose.,...
:-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...