mercoledì 26 agosto 2009

Il sonno di Penna

Sandro Penna è un poeta difficilmente collocabile nella letteratura del ‘900: non ha certo subito l’influenza di Ungaretti, lo si può forse avvicinare a Saba. In realtà, Penna, nella sua semplicità di dizione che trasforma le poesie in un diario che racconta stati d’animo, è una specie di moderno poeta alessandrino con il suo eros ingenuo e spontaneo che fa da sfondo ai versi, eros come felicità e gioia di vivere anche quando diventa, come spesso accade, dolore…

E chiaro appare in questo distico che sembra essere un manifesto programmatico della sua poetica:

«IO VIVERE VORREI ADDORMENTATO»

Io vivere vorrei addormentato
entro il dolce rumore della vita.

Una vita di sensazioni, di pura poesia, è quella cui Penna ambisce e che fece dire al critico Anceschi di una “poetica dell’indolenza”. Almeno è quello che appare dagli endecasillabi di un’altra sua famosa lirica:

«NEL SONNO INCERTO DORMO ANCORA UN POCO»

Nel sonno incerto dormo ancora un poco.
È forse giorno. Dalla strada il fischio
di un pescatore e la sua voce calda.
A lui risponde una voce assonnata.

Trasalire dei sensi - con le vele,
fuori, nel vento? - Io sogno ancora un poco.

 

Sandro Penna © Il Caffè Illustrato

 

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
La vita è un sonno, l'amore ne è il sogno e avrete vissuto se avete amato.
ALFRED DE MUSSET

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...