giovedì 4 giugno 2009

Tienanmen, così moriva un sogno

Vent'anni fa, il 4 giugno 1989, il massacro di Piazza Tienanmen a Pechino poneva fine alla speranza di un cambiamento politico in Cina. L'esercito soffocava nel sangue sette settimane di aspettative che i manifestanti - in gran parte studenti - ritenevano possibili: riforme chieste a gran voce ispirandosi al crollo dei regimi comunisti in Europa, che sarebbe culminato nella Caduta del Muro di Berlino nell'ottobre di quello stesso anno e nello scioglimento dell'Unione Sovietica.

I carri armati posero fine a tutto questo mostrando il volto duro del regime: secondo i dissidenti le vittime furono settemila, secondo le autorità "solo" trecento. La netta chiusura sul piano della democrazia e dei diritti umani lasciò delle ferite profonde nella comunità internazionale.

L'immagine simbolo di quella protesta resterà nei libri di storia: un ragazzo in camicia bianca e pantaloni neri, con due sacchetti della spesa, uno per mano, ferma i carri armati semplicemente ponendosi davanti e spostandosi ad ogni manovra dei mezzi. Il mondo intero pianse per quei ragazzi che aveva visto ballare a ritmo di rock sulla Piazza Tienanmen o pacificamente seduti nei sit-in, coloratissimi rispetto all'ingessata uniformità che la Cina aveva sempre mostrato, o ancora còlti dai fotografi nel segno di vittoria, come la leader Chai Ling. Chiedevano la modernizzazione e un minimo di democrazia: libertà di espressione, di riunione, di stampa, pulizia nell'apparato amministrativo e lotta alla corruzione.

Invece arrivarono i carri armati e le pallottole. Il grido di libertà si spense per alzarsi di nuovo nell'Est europeo.

 Tienanmen

 

*  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *
LA FRASE DEL GIORNO
La libertà non è uno scambio, è la libertà.
ANDRÉ MALRAUX, La condizione umana

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Libertà è anche la tua abile penna, che ci riporta indietro nella memoria, motivo di dolore allora, e, disagio ancora oggi, per quello che non avremmo voluto vedere e che abbiamo visto. Infatti, la libertà non è uno scambio - ma una conquista alla quale tutti dobbiamo tendere - senza mai, tiranneggiare alcuno. Vale anche per i sentimenti. Grazie Renoir. sepre Grande. Asiaa

Anonimo ha detto...

scusa il refuso - sempre.

DR ha detto...

Il volto della dittatura è sempre lo stesso, quale che sia il suo colore...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...